Implantologia

IMPLANTOLOGIA


Approfondimenti suIl’impianto dentale

L’impianto dentale è costituito da una vite in titanio che serve a rimpiazzare la radice naturale del dente perduto. Alla vite viene applicato un moncone che servirà da base su cui posare la corona. Grazie a questa metodologia ricostruttiva viene ricreato interamente il dente. L’impianto permette di ricostruire anche più denti o addirittura tutta un’arcata dentale. I vantaggi per il paziente sono evidenti e immediati, sia funzionali che estetici.

L’implantologia

Si occupa dell’applicazione di protesi fisse al paziente che ha subito la perdita di uno o più denti. L’obiettivo è quello di ridurre il più possibile l’invasività, limitandosi ad inserire sostanzialmente delle viti che sostituiscano in toto le radici mancanti.In alcuni casi, ad esempio, è necessario far precedere l’intervento di inserimento delle protesi da uno di ricostruzione ossea, a garanzia della stabilità degli impianti futuri.

Gli impianti dentali possono essere inseriti senza danneggiare gli altri denti sani già presenti e sono una soluzione stabile e duratura nel tempo.

L’impianto protesico realizzato bene può durare anche più di venti anni. Non vi sono controindicazioni nell’ utilizzo degli impianti per le diverse fasce d’età, sostanzialmente si preferirà nei giovani attendere un’età vicina ai 18 anni mentre negli anziani si preferiranno soluzioni con un indice di invasività minore.

Gli impianti Dentari per protesi rimovibile

 Gli impianti dentari permettono di ancorare meglio le protesi mobili ai mascellari, e di ridurre l’estensione della “parte rosa” del manufatto, rendendolo più accettabile e funzionale. A seconda dei casi, è possibile inserire due o più impianti per ancorare all’arcata la protesi rimovibile all’arcata in modo amovibile. Con un minimo di 4 impianti per arcata si può addirittura bloccare la protesi in modo fisso.

La procedura dell’ l’intervento

L’inserimento di uno o più impianti si esegue in anestesia locale. Durante la prima seduta vengono inserite le viti nell’osso. Nelle successive 2/8 settimane (sino a 3 mesi, a seconda di quantità e qualità dell’osso residuo) l’osso crescerà intorno all’ impianto integrandolo nella propria struttura. A termine di questa prima fase è possibile completare il trattamento e procedere con il posizionamento della protesi. 

Cura e igiene degli impianti 

Una corretta pulizia della bocca è fondamentale per la buona riuscita di un trattamento implantare. La causa più frequente di fallimento è infatti proprio l’infezione dei tessuti che circondano l’impianto, che può causare la perdita dell’impianto stesso.